Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

11 Giugno 2014 | Economia

Le trame fiscali di Apple sotto controllo dell’Ue

La Commissione europea sta indagando sul sistema di società finanziarie che fanno capo ad Apple e permettono alla compagnia americana di ridurre al minimo le tasse pagate nel Vecchio Continente . Bruxelles e Cupertino non confermano l’apertura dell’inchiesta, ma il complesso meccanismo di smistamento dei ricavi della Mela su controllate domiciliate in Paesi a fiscalità ridotta o nulla era da tempo nel mirino dell’Unione, che sta provando a riorganizzare il regolamento sulle agevolazioni fiscali per le società hi-tech straniere che decidono di trasferirsi in Europa. A fronte di utili per miliardi di euro, infatti, Apple, Google & Co. versano poche decine di milioni in tasse. L’operazione è di per sé legale e sfrutta alcune falle del sistema impositivo europeo, ma la linea tra quanto concesso e la frode fiscale è decisamente sottile: la Commissione vuole valutare l’effettiva attività delle finanziarie per capire se siano scatole vuote che servono solo a sparpagliare gli incassi di Apple ed eludere tasse ingenti, così da sanzionare eventualmente la compagnia. Il commissario Joaquin Almunia comincerà i suoi approfondimenti da Dublino , sede ufficiale della Mela in Europa. La capitale irlandese ha attirato negli ultimi anni diverse società della new economy grazie a forti sconti sulle tassazioni (ridotte al 12,5%), nel tentativo di creare un circolo virtuoso (lavoro, circolazione di denaro, innovazione e incremento della cultura digitale nel Paese) che rischia però di danneggiare il mercato e di mutuare comportamenti di concorrenza sleale. A Bruxelles tengono d’occhio i creatori di iPhone e iPad almeno dallo scorso autunno , in seguito alle accuse rivolte dal Senato statunitense all’Irlanda, imputata di favorire l’evasione fiscale. Il governo di Dublino ha risposto definendo “aperto e trasparente” il proprio sistema, ma non ha convinto né gli americani né Almunia. Anche perché Apple, nel Paese di Joyce, dando garanzie su occupazione e programmi di insediamento a lungo termine ha ottenuto ulteriori agevolazioni, riducendo le contribuzioni al 2% e rigirando gli introiti a una controllata priva di residenza fiscale, che a sua volta dirottava i proventi in finanziare dislocate in paradisi come Olanda e Lussemburgo.  L’Unione europea, che fatica a trovare un accordo comunitario sui sistemi di tassazione e sul trattamento degli investimenti extra-comunitari, per evitare questi giochi transfrontalieri prova a colpire direttamente le compagnie interessate: Apple potrebbe rappresentare il primo passo dell’offensiva fiscalista di Bruxelles. In attesa di una ridefinizione più ampia del regolamento europeo in materia.

Guarda anche:

Climatariani e nuove tendenze sulla tavola degli italiani

La pandemia ha colorato di “verde” la tavola degli italiani, tanto che 1 italiano su 6 dichiara di adeguare il proprio regime alimentare per ridurre l'impatto ambientale.   E’ quanto emerge dal...

Export agroalimentare italiano verso il record storico

L'alimentare italiano registrerà il primato storico nelle esportazioni raggiungendo quota 52 miliardi, mai registrato prima nella storia dell'Italia, se la tendenza di aumento del 13% sarà...

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...