Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

23 Marzo 2006 | Innovazione

L’INFORMAZIONE MUORE

Reporters sans frontières in un rapporto-denuncia ricorda gli 86 giornalisti morti durante la guerra in IraqLa guerra in Iraq, cominciata il 20 marzo 2003, ha chiesto un pesante tributo ai rappresentanti degli organi di informazione: 86 i morti e 38 i rapiti. Reporters sans frontières ha elaborato un’analisi sull’accaduto. Il numero dei giornalisti morti supera quello rilevato in venti anni di guerra in Vietnam. Il 92% delle vittime erano uomini e l’età media era di 35,5 anni. Il 77% dei giornalisti e assistenti dei media uccisi era di origine irachena. Fra i reporter stranieri, le vittime sono state quasi tutte nei primi giorni di guerra. In seguito molti giornalisti hanno lasciato il paese. La nazionalità non è stata un fattore determinante: solo dodici giornalisti e assistenti media uccisi provenivano da un paese della coalizione guidata dagli Usa. Per quanto riguarda i giornalisti rapiti, Rsf ricorda che cinque (compreso Enzo Baldoni) sono stati uccisi e tre non sono ancora stati liberati.

Guarda anche:

Tennis: ecco chi sono i top influencer italiani

Chi sono i tennisti italiani che hanno più successo anche fuori dal campo? La classifica ha come parametro l’engagement rate, ovvero la percentuale di ingaggio con gli utenti che gli sportivi hanno...

Plogging voce del verbo correre per l’ambiente

Sport e ambiente, binomio che coniuga due aspetti fondamentali per il benessere delle persone: l’attività fisica e il contatto con la natura. È questa la mission del primo Giro d’Italia di plogging...
lancio del razzo Falcon 9

Il lancio del razzo Falcon 9 con a bordo l’astronauta Samantha Cristoforetti  

È partita la missione spaziale Crew-4, della quale fa parte Samantha Cristoforetti, astronauta italiana dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) che sarà impegnata per quasi sei mesi sulla Stazione...