Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Marzo 2006 | Innovazione

LO SPYGATE DI STORACE

L’ufficio del braccio destro del ministro della Sanità è stato perquisito nell’ambitodell’inchiesta di spionaggio che coinvolge diversi funzionari e investigatori privatiInvestigatori, forze dell’ordine e funzionari della Telecom uniti per spiare telefonate e movimenti di personaggi politici, sembra per conto dello staff che fa capo all’attuale ministro della Sanità ed ex governatore del Lazio Francesco Storace di Alleanza Nazionale. E’ quanto è venuto alla luce giovedì mattina in seguito all’arresto di undici investigatori privati, due marescialli della Guardia di finanza, un ispettore di polizia, due uomini di Telecom Italia. Ma soprattutto dopo la perquisizione dell’ufficio di Nicolò Accame, braccio destro di Storace. Le accuse sono di corruzione, violazione di segreto d’ufficio e falso. Secondo l’accusa, Storace si sarebbe avvalso di intercettazioni illegali di funzionari corrotti per spiare Alessandra Mussolini, ex di Alleanza Nazionale, e Piero Marrazzo del centrosinistra, all’epoca entrambi avversari del ministro alla presidenza della Regione Lazio. La vicenda, per quanto riguarda il coinvolgimento del ministro, è ancora abbastanza oscura, ma è chiaro il meccanismo di funzionamento di questo mercato parallelo delle informazioni personali. I funzionari di compagnie telefoniche e forze dell’ordine venivano corrotti dagli investigatori privati che, su commissione, puntavano a ottenere i segreti delle banche dati. Storace avrebbe spiato ‘politicamente’ i due avversari per condizionare il voto nelle ultime elezioni regionali. Le reazioni dal mondo politico non si sono fatte attendere e, mentre l’inchiesta va avanti, il presidente della Camera Pierferdinando Casini ha convocato la conferenza dei capigruppo per martedì 14.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Intenso fruttato con sentori di noce? Ora ce lo dirà l’intelligenza artificiale?

Dall'Italia il sommelier personale del futuro, figlio della tecnologia Gpt. Nasce dall'intelligenza artificiale il sommelier personale italiano che consiglia quale vino abbinare a determinati...