Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Marzo 2007 | Innovazione

Marche Way porta la larga banda nella regione

Quasi metà della popolazione marchigiana non ha accesso alla banda larga. Per risolvere il problema la Regione Marche ha dato il via nel 2002 a “Marche Way”, un progetto che vuole portare i dati ad alta velocità in tutto il territorio. Oggi si è fatto ad Ancona il punto della situazione. Nasce così il piano regionale telematico che vuole portare la banda larga anche a chi non ce l’ha a disposizione, e sono ben il 45% della popolazione rurale e il 60% dei comuni. Del progetto si è discusso in un confronto tra dirigenti del Servizio informatica e rappresentanti della Regione Marche e delle comunità montane. “Marche Way è un progetto precursore rispetto all’estensione della banda larga su tutto il territorio regionale – ha detto l’assessore regionale all’Informatica, Gianluca Carrabs – un servizio che la giunta regionale intende garantire non solo agli enti locali, ma anche ai cittadini e alle imprese perché il grande gap infrastrutturale passa attraverso l’infrastrutturazione telematica”. Nelle Marche gli squilibri in termini di copertura e gap infrastrutturali sono dovuti principalmente al fatto che la regione è caratterizzata da molti piccoli comuni, prevalentemente delle aree montane e con bassa densità abitativa. In queste condizioni la logica di investimento e adeguamento delle reti di telecomunicazione degli operatori privati porta spesso a ritenere non fare nulla. Una parziale soluzione sarà l’utilizzo di una dorsale a ponti radio di proprietà della Regione che incanalerà il traffico di alcuni piccoli comuni. “Marche Way nasce proprio per superare le criticità – ha detto Carrabs – la Regione ha realizzato un primo intervento a favore della pubblica amministrazione estendendo ai Comuni più piccoli, delle zone territoriali più svantaggiate, l’accesso ai collegamenti a banda larga. Questo ha permesso alle pubbliche amministrazioni di interagire tra loro in modo più agevole e veloce”. Il bando per la realizzazione dell’opera risale al 2002 per il quale sono stati investiti oltre 3 milioni di euro nel trienni 2004-2006.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Intenso fruttato con sentori di noce? Ora ce lo dirà l’intelligenza artificiale?

Dall'Italia il sommelier personale del futuro, figlio della tecnologia Gpt. Nasce dall'intelligenza artificiale il sommelier personale italiano che consiglia quale vino abbinare a determinati...