Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

19 Marzo 2007 | Innovazione

Mastrogiacomo: ore di attesa per il rilascio, le dichiarazioni

Altra giornata di attesa per l’auspicato annuncio del rilascio del giornalista italiano Daniele Mastrogiacomo, rapito giusto due settimane fa nel Sud dell’Afghanistan con il suo interprete Adjmal Nashkbandi. Facciamo il punto della situazione. Ieri, le ultime notizie confermavano che Mastrogiacomo e il suo interprete si trovavano nelle mani dei capi tribali fedeli ai Taleban mentre si aspettava che il Mullah Dadullah, il massimo comandante Taleban dell’area meridionale dove è stato preso l’inviato di Repubblica il 5 marzo, tenesse fede agli impegni presi di scambio di prigionieri. Di seguito le dichiarazioni rilasciate oggi in merito alle trattative: “Speriamo che già oggi ci potrà essere una soluzione, per il giornalista italiano, se non è già stato liberato, abbiamo fatto tutto il possibile per il suo rilascio”. (Hamid Karzai, presidente afgano) “Sono ore di attesa che noi condividiamo, è evidente che si tratta di un’operazione molto complessa e noi abbiamo invitato più volte alla prudenza e al silenzio”. (Massimo D’Alema, ministro degli Esteri) “Noi speriamo e facciamo i migliori auguri per la liberazione del giornalista italiano sosteniamo l’impegno per la sua liberazione con tutte le nostre forze”. (Dora Bakoyannis, ministro degli esteri Grecia) “In queste ore c’è stata una richiesta del Governo, giustamente, di non promuovere con dichiarazioni o iniziative nessun dibattito che possa in qualche modo interferire con la delicata trattativa per la liberazione di Mastrogiacomo. Io credo che in queste ore tutti dobbiamo attenerci a questo silenzio stampa e auspicare che i contatti che il Governo ha attivato in tutte le direzioni producano un risultato positivo”. (Piero Fassino, leader Ds) “Nessuna dichiarazione può essere fatta sulla vicenda di Mastrogiacomo, rispettiamo il silenzio stampa, appena questo si potrà rompere sarà mia cura venire a dare notizie”. (Romano Prodi, presidente del Consiglio) “La cosa importante è che liberino il nostro giornalista Mastrogiacomo. Il presidente Karzai dice che potrebbe essere la giornata giusta? Spero che abbia ‘autorevolezza per farlo”. (Giulio Andreotti, senatore a vita) “Speriamo di avere notizie. È sicuramente una giornata importante, però è anche una giornata che ha dei passaggi molto complessi, per cui non sappiamo, speriamo di avere notizie. Al momento non c’è nulla. Aspettiamo come aspettate voi, come aspettano tutti. Stiamo aspettando ormai da molti giorni e come noi, la famiglia e tutti. L’unica cosa è avere notizie”. (Ezio Mauro, direttore di Repubblica)    

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...