Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Dicembre 2022 | Innovazione

Messo a punto a Milano “naso elettronico” che fiuta il tumore alla prostata

È stato sviluppato il primo prototipo di naso elettronico in grado di identificare la presenza della neoplasia a partire da un campione di urina. Lo confermano i dati di uno studio italiano, pubblicato su International Journal of Urology. 

Diag-Nose è il nome del progetto da cui è nato il primo prototipo sperimentale in collaborazione tra Humanitas e Politecnico di Milano. Dai risultati è emerso che l’esame identifica correttamente la presenza del tumore in pazienti malati nell’85,2% dei casi e risulta correttamente negativo nel 79,1%.

Il metodo tradizionale della biopsia è al contrario un esame invasivo e con un tasso più elevato di falsi negativi nei tumori in fase precoce, poiché preleva e analizza solo una piccola porzione dell’organo.

Il naso elettronico deriva da uno studio più grande, condotto nel 2012 da Humanitas in collaborazione con il Centro militare veterinario di Grosseto (Cemivet) e patrocinato dallo Stato Maggiore della Difesa. Questa ricerca ha rivelato che i cani addestrati sono in grado di riconoscere il tumore della prostata annusando l’urina.

“Come per i cani, anche il naso elettronico ha attraversato una fase di training, condotta su circa 530 persone, che ha permesso agli ingegneri del Politecnico di Milano, alla professoressa Laura Capelli e alla dottoressa Carmen Bax, di affinare i parametri di analisi e di insegnare al dispositivo a distinguere se il campione di urina appartenesse a una persona sana o con tumore della prostata”, afferma Fabio Grizzi, ricercatore presso i laboratori dell’Irccs Istituto Clinico Humanitas, dove è anche responsabile del servizio di istologia.

Saranno necessari ulteriori studi su larga scala per poter convalidare il prototipo, coinvolgendo istituti clinici internazionali e far passare il naso dal laboratorio alla pratica clinica. 

 

di Serena Campione

Guarda anche:

Premiata a Davos la startup italiana che porta Internet in fondo al mare

Lo spin-off della Sapienza di Roma per le comunicazioni subacquee spicca al World Economic Forum per aver aperto la strada all’Internet of Underwater Things. Una soluzione in più per la lotta al...

La medicina può prevedere l’ansia con l’analisi della materia grigia

Secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’università di Trento e  pubblicato sulla rivista Sensors la medicina può prevedere l’insorgere dei sintomi e dei disturbi dovuti all’ansia attraverso...

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...