Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Luglio 2023 | Attualità

Napoli, brucia il sogno della Venere di Pistoletto

Incendiata nella notte l’installazione dell’artista in Piazza del Municipio. Doveva simboleggiare la rinascita del cuore della città.

Ce ne sono tante, in giro per il mondo, ma non risulta che altre “Venere degli Stracci” siano state incendiate. A Napoli, invece, una sua versione gigante è stata inaugurata in Piazza del Municipio il 28 giugno e all’alba del 12 luglio è stata data alle fiamme. L’opera di Michelangelo Pistoletto, realizzata col patrocinio dall’attuale amministrazione comunale in Piazza del Municipio – anche a simboleggiarne la rinascita – è già stata deturpata. Tra i più famosi esponenti italiani contemporanei dell’Arte Povera, in passato Pistoletto aveva già portato in città un’altra Venere – sempre ispirata a quella dello scultore neoclassico danese Bertel Thorvaldsen – ma ha realizzato questa versione appositamente per la città, in dimensioni peraltro giganti rispetto alle precedenti: 10 metri di altezza. “Non mi stupisce, mi spaventa“, ha dichiarato il Maestro ad Adnkronos, “perché mi mette davanti a una situazione drammatica del nostro tempo: Un tempo in cui si continua a rispondere a qualsiasi proposta di bellezza, di pace e di armonia con il fuoco e con la guerra. Mi sembra quasi l’eco di quello che sta succedendo nel mondo dove c’è gente che dà fuoco da tutte le parti”.

L’incendio è cominciato verso le 5.30 del mattino e molte persone hanno ripreso con gli smartphone quanto stava accadendo. L’ipotesi più accreditata è che l’incendio sia di natura dolosa. Più diretto l’assessore alla Sicurezza del Comune, Antonio De Iesu, secondo cui “sicuramente si tratta di un atto vandalico”. Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha riferito di un riscontro in Rete dell’ipotesi: secondo la Fondazione Pistoletto, infatti, c’è stata addirittura “negli ultimi giorni una specie di gara sui social di gente che invitava a bruciare la statua”. Manfredi ha detto che nei prossimi giorni verrà organizzata una raccolta fondi per ricostruire la Venere: “Faremo in modo che questa ricostruzione avvenga anche da una partecipazione popolare. Ne rifaremo tante, finché l’arte e la bellezza non prevarranno come già prevalgono nella nostra città“.

di Daniela Faggion

 

Fonte foto: www.napolivillage.com

Venere in fiamme

Guarda anche:

Movie Icons Mole - courtesy of Ufficio Stampa

Al Museo del cinema di Torino 120 memorabilia di Hollywood

Con Movie Icons, fino al 13 gennaio 2025, alla Mole Antonelliana esposti alcuni oggetti di scena originali come la piuma di Forrest Gump, la bacchetta di Harry Potter, il casco degli Stormtrooper e...

Dal 2026 in Italia ci sarà la “Capitale italiana dell’arte contemporanea”

L’iniziativa nasce nell’ottica di valorizzare realtà territoriali decentralizzate attraverso l’arte contemporanea. C’è tempo fino al 30 giugno 2024 per presentare i progetti e le candidature. Nel...
Benigni e Troisi - ufficio stampa BFF

Non ci resta che piangere 40 anni dopo

Il mitico film con Benigni e Troisi viene celebrato al Bardolino Film Festival, che ha in giuria l'attrice protagonista Iris Peynado "Non ci resta che piangere" è uno di quei film che "più italiani...