Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

15 Gennaio 2009 | Attualità

Pubblicità e tv francesi: Sarkozy sorride ma il Senato è in subbuglio

Il presidente della repubblica francese Nicolas Sarkozy ha creduto molto nella riforma sulla pubblicità che progressivamente sta abolendo le adv sulle reti pubbliche francesi e ha anche modificato il meccanismo di nomina del presidente di France Televisions, holding che controlla la televisione pubblica. Gli spettatori sono contenti e lo share delle reti interessate è aumentato, anche se in Senato vige tutt’altro clima : è stato approvato dai senatori dell’Unione per un movimento popolare e gli alleati dell’Unione di centro un emendamento che sottopone con voto a maggioranza dei tre quinti dei membri della commissione Affari culturali del Senato e della Camera, la revoca del presidente di France Televisions. Quindi se nel disegno di legge iniziale il governo può nominare e revocare a sua discrezione, con questo nuovo emendamento si garantisce di fatto l’intera durata del mandato. Ieri le discussioni sono state sospese a causa dell’insufficienza di presenze in Senato rilevata dall’opposizione. Tra i senatori dell’Ump vi è forte malumore e ostilità con i colleghi dell’opposizione, sentimenti dovuti alle paure che ai mancati introiti provenienti dalle pubblicità non corrispondano effettivamente i fondi stanziati e le nuove tasse imposte a operatori mobili e fornitori di accesso internet.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.