Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

11 Novembre 2021 | Attualità

Ritrovati i resti della stanza degli schiavi a Pompei

Ritrovati i resti della stanza degli schiavi a Pompei. Dalla villa di Civita Giuliana emergono un carro cerimoniale e una stalla con i resti di 3 equini. Dallo scavo affiora uno spaccato rarissimo della realtà quotidiana degli schiavi. Sono infatti stati portati alla luce letti e altri oggetti in materiali deperibili. Questi permettono di acquisire nuovi interessanti dati sulle condizioni abitative e di vita degli schiavi a Pompei e nel mondo romano.

Ritrovati i resti della stanza degli schiavi nella villa di Civita Giuliana

Sul ritrovamento archeologico si esprime il Ministro della Cultura Dario Franceschini. “Pompei è la prova che quando l’Italia crede in se stessa e lavora come una squadra raggiunge traguardi straordinari ammirati in tutto il mondo. Questa nuova incredibile scoperta a Pompei dimostra che oggi il sito archeologico è diventato non soltanto una meta tra le più ambite al mondo, ma anche un luogo dove si fa ricerca e si sperimentano nuove tecnologie. Grazie a questo nuovo importante ritrovamento si arricchisce la conoscenza sulla vita quotidiana degli antichi pompeiani. In particolare di quella fascia della società ancora oggi poco conosciuta. Pompei è un modello di studio unico al mondo”.

Parla anche il Direttore Generale Gabriel Zuchtriegel: “È sicuramente una delle scoperte più emozionanti nella mia vita da archeologo, anche senza la presenza di grandi “tesori”. il tesoro vero è l’esperienza umana. In questo caso dei più deboli della società antica, di cui questo ambiente fornisce una testimonianza unica”.

Pompei

L’antica città di Pompei è un insieme unico di edifici civili e privati, monumenti, sculture, pitture e mosaici di tale rilevanza per la storia dell’archeologia e per l’antichità da essere riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO. Pompei venne seppellita a causa dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Ciò ha permesso una conservazione eccezionale della città. Oggi si possono ammirare i resti rinvenuti che danno un’idea sull’organizzazione delle città romane e sui loro abitanti.

I resti

Nell’ambiente, dove sono state trovate tre brandine in legno, è stata rinvenuta una cassa di legno con oggetti in metallo e in tessuto che sembrano far parte dei finimenti dei cavalli. Inoltre, appoggiato su uno dei letti, è stato trovato un timone di un carro, di cui è stato effettuato un calco. I letti sono composti da poche assi lignee sommariamente lavorate che potevano essere assemblate a seconda dell’altezza di chi li usava. Mentre due hanno una lunghezza pari a 1,70 m circa, un letto misura appena 1,40 m per cui potrebbe essere di un ragazzo o di un bambino.

La rete dei letti è formata da corde, le cui impronte sono parzialmente leggibili nella cinerite, e al di sopra delle quali furono messe coperte in tessuto, anch’esse conservate come cavità nel terreno e restituite attraverso il metodo dei calchi. Al di sotto delle brandine si trovavano pochi oggetti personali, tra cui anfore poggiate per conservare oggetti, brocche in ceramica e il “vaso da notte”. L’ambiente era illuminato da una piccola finestra in alto e non presentava decorazioni parietali. Oltre a fungere da dormitorio per un gruppo di schiavi, forse una piccola famiglia come lascerebbe intuire la brandina a misura di bambino, l’ambiente serviva come ripostiglio, come dimostrano otto anfore stipate negli angoli lascati appositamente liberi per tal scopo.

La villa di Civita Giuliana

La villa è oggetto di saccheggiamento sistematico da anni. Dopo un’indagine della procura, la villa di Civita Giuliana è dal 2017 oggetto di scavi stratigrafici. Quest’ultimi hanno restituito una serie di nuovi dati e scoperte a cui si aggiunge ora la stanza degli schiavi. Purtroppo, anche in questo ambiente, una parte del patrimonio archeologico è andato perduto a causa dei cunicoli scavati dai tombaroli che hanno creato un danno complessivo stimato in quasi 2 milioni di euro.

di Alessandro Bonsi

Guarda anche:

Italian Tech Week: a Torino il 29 e il 30 settembre

A Torino il 29 e il 30 settembre si svolge l’Italian Tech Week. Un appuntamento che, nelle due giornate, affronta temi legati a innovazione e nuove tendenze. Si tratta di un’occasione importante che...

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

In Italia i podcast registrano una crescita del 7%

I podcast in Italia stanno prendendo piedi a un ritmo costantemente in crescita. Un incremento nel consumo del 7% rispetto allo scorso anno, a conferma di un trend positivo che negli ultimi 6 anni...