Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

4 Aprile 2007 | Innovazione

Scalerà l’Everest per poi telefonare con il cellulare

Scalare l’Everest è ormai impresa degna di poca nota, per via delle mille spedizioni che promettono – e realizzano – l’ascesa alla vetta più alta del mondo. Per questo motivo il britannico Rod Baber sta progettando la salita sull’Everest per realizzare la chiamata telefonica cellulare più vertiginosa mai effettuata . Meteo permettendo, la scalata sarà fatta a fine maggio. “Non c’è ragione per cui non riesca a farla” dice l’interessato. Babel ha già scalato tutte le montagne più alte in Europa, ma la possibilità di chiamare da cucuzzolo dell’Everest è un richiamo impossibile da ignorare. La chiamata sarà possibile realizzarla grazie all’installazione di una stazione in territorio cinese che permette connettività cellulare a tutta la zona nord della montagna himalayana. Bisogna solo sperare, a questo punto, che le gelide temperature che si registrano oltre i 6mila metri non facciano saltare i circuiti del telefono cellulare, che lo scalatore seriale vuole usare per fare la chiamata. Unico dubbio: cosa mai dirà una volta arrivato in cima?

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...