Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

25 Maggio 2007 | Innovazione

Scommessa At&T e iPhone

L’azienda di telefonia, vecchia quanto il telefono stesso, investe sull’alleanza con Apple per il mercato Usa del mobile. At&T punta tutto sull’iPhone. Questione di immagine e di sopravvivenza per conquistare il pubblico giovane. Ferie bloccate ai dipendenti, training al personale e allestimento dei punti vendita. Non solo, in arrivo nuovo logo e la certezza che il telefono Apple non verrà marchiato con il brand dell’operatore. La società di ricerca Channel Checkers stima liste di attesa già oltre quota due mila prenotazioni in alcuni store At&T americani. Merito dell’esclusiva di 5 anni con la quale l’IPhone sarà solo At&T negli Usa. Costerà molto: 499 o 599 dollari. “Sono scettico sui prezzi dell’iPhone – dichiara l’analista di Jupiter Research, Neil Strother – ma questa alleanza ridisegnerà l’industria del mobile degli Stati Uniti”. Iniziando ad attirare i clienti non iPod ed evitando di emulare il flop del Motorola Rokr, abbandonato da Apple appena lanciato sul mercato. 

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...