Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Giugno 2014 | Economia

Sony batte Nintendo, le console sono tutte sue

Sony vince la guerra contro Nintendo e torna regina delle console per la prima volta in otto anni. Il colosso dell’elettronica e dell’entertainment, pur tornato in rosso a livello generale, ha visto la divisione videogiochi, Sony Computer Entertainment,  vendere nell’anno fiscale 2013 un totale di 18,7 milioni di Playstation, a fronte dei  16,3 milioni di pezzi del gruppo di Kyoto, in frenata del 31% . Al contrario, Nintendo ha ceduto terreno per la cattiva performance della console portatile 3DS e della nuova Wii U. L’ultima volta che Sony è stata in cima alla lista delle vendite di console era l’anno fiscale 2005 : la PlayStation 3 aveva avuto un successo sotto le attese e Wii e Ds aveva guadagnato importanti fette di mercato. Il settore delle console, tuttavia, continua a scontare la dura concorrenza dei videogame offerti sugli smartphone, spesso gratis e sempre più diffusi. Al punto che tutte le strategie dei principali player sono sotto continua evoluzione , come l’offerta, osserva il Nikkei, di nuovi servizi, tra cui i giochi basati sul cloud per attirare nuovi giocatori.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...