Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

25 Marzo 2023 | Ambiente, Attualità

Sostenere le bellezze italiane: ecco la missione dei “Luoghi del Cuore” del FAI

Che cosa sono i luoghi del cuore?

A questa domanda rispondeva così Giulia Maria Mozzoni Crespi, imprenditrice italiana e fondatrice del FAI: “E’ come se infinite piccole fiammelle venissero accese nelle città, nei paesi aggrappati alle colline, lungo le frastagliate coste, attraverso le pianure, in mezzo agli alberi dei boschi, lungo i fiumi…sono quei luoghi che gli uomini hanno amato, vissuto, intravisto, sognato, con nostalgia ricordato.”

A salvare questi luoghi dagli effetti del tempo e dall’abbandono ci pensa il FAI ogni due anni insieme a Intesa San Paolo con il progetto “I Luoghi del cuore”: una campagna nazionale per i siti italiani italiani, il più importante progetto di sensibilizzazione sul valore del patrimonio italiano che permette ai cittadini di segnalare al FAI attraverso un censimento biennale i luoghi su cui è importante intervenire. Dopo il censimento il FAI sostiene una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di voti. Alla votazione del censimento possono partecipare tutti i cittadini.

Così anche quest’anno si è chiusa il 15 dicembre il censimento con 1.500.638 voti raccolti nel 2022 per più di 38.800 luoghi e il 16 febbraio 2023 è uscita la classifica definitiva.

I primi tre posti della classifica:

Il primo posto della classifica nazionale con 51.443 voti è stato assegnato alla Chiesetta di San Pietro dei Salari a Gallipoli Lecce, un gioiello medievale immerso nella campagna salentina, oggi inagibile e a rischio crollo. L’immobile costituisce uno dei principali beni culturali del Parco, il cui restauro è fondamentale anche con riferimento al recupero ed alla valorizzazione dell’antica via Pietrina. A navata unica e formata da due ambienti a pianta quadrata, la Chiesetta di San Pietro dei Samari costituisce l’unico esempio nella provincia di Lecce del fenomeno architettonico delle chiese a cupole in asse, presente in Puglia; è inoltre l’unica ad avere le cupole visibili nella loro forma pura, secondo un linguaggio tipicamente medio-orientale. Oltre ad essere un unicum all’interno del patrimonio architettonico salentino, San Pietro dei Samari è una delle poche chiese di Gallipoli che il barocco non abbia trasformato.

Il secondo posto è occupato, con  32.271 voti al Museo dei Misteri di Campobasso, legato alla Processione dei Misteri, la festa più sentita del Molise, che per la prima volta sale sul podio con un suo sito nella storia del censimento. Il Museo è costituito da: una Sala Espositiva “Rino Savastano” dove sono esposti degli originali costumi d’epoca insieme a fotografie, variamente datate, che ritraggono alcuni momenti salienti delle passate manifestazioni e cataloghi con tutti i nomi dei personaggi degli ultimi 40 anni e una Sala Proiezioni “Gino Aurisano” dotata di 40 posti a sedere, che consente di visionare comodamente riprese della “Processione dei Misteri” girate nel 1929, 1948, fino ai giorni nostri, inerenti la preparazione e lo svolgimento della manifestazione, che in parte ricreano l’atmosfera che si viveva e vive tutt’ora a Campobasso nel giorno di Corpus Domini. Infine nella Sala degli Ingegni “Cosmo Teberino” è possibile visionare nel dettaglio le tredici macchine, scoprendo le peculiarità strutturali ed artistiche che le rendono uniche al mondo.

Al terzo posto troviamo altro luogo di culto: la Chiesa di San Giacomo della Vittoria ad Alessandria, in Piemonte, città che si rivela la regina indiscussa del censimento con ben quattro luoghi nella top ten, tutti supportati dalle scuole cittadine. La chiesa di S. Giacomo della Vittoria è un gioiello storico-artistico, simbolo architettonico per la città di Alessandria dell’epoca rinascimentale. Degno di nota è ciò che rimane dell’originaria decorazione trecentesca ad affresco: la Madonna del latte del 1395 attribuito al pittore lodigiano detto ‘Maestro di Ada Negri’. Il frammento, serrato in una teca, si trova sul muro perimetrale destro ed è completato da un finto tendaggio tardo-ottocentesco. L’affresco è stato restaurato nel 2021 con particolare attenzione al recupero ed al fissaggio dei colori originari.

Luoghi del cuore 2022:  voce e dignità agli ‘ultimi’

Completano la classifica molti sentieri, borghi medievali, ville,  castelli, edifici civili , spiagge, parchi e strade panoramiche: tante bellezze uniche per storia, arte e natura sparse su tutta la Penisola che si possono scoprire sul sito del FAI: https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/i-luoghi-del-cuore/classifica/.

Commenta così Marco Magnifico, presidente FAI “In questa edizione, in maniera particolarmente evidente, ‘I Luoghi del Cuore’ hanno dato voce agli ‘ultimi’, a quei luoghi del patrimonio culturale italiano considerati minori, che non hanno mai avuto l’attenzione del Paese, ma che invece la meritano, e che senza l’amore delle persone che li hanno votati si sarebbero persi. Ridare voce e dignità agli ‘ultimi’: non c’è missione più bella e più vera per ‘I Luoghi del Cuore’”.

Altro dato significativo di questa iniziativa è il coinvolgimento di ben 6.0508 comuni italiani, l’82% del totale.

di Sara Giudice

Guarda anche:

La Repubblica degli Stagisti - Standsome

La Repubblica degli Stagisti diventa un fenomeno sovranazionale

L'idea nata qualche anno fa in Italia per raccontare il disagio di giovani e meno giovani alle prese con il lavoro travestito da stage Come ogni anno in giugno, la Repubblica degli Stagisti ha fatto...
Monte Sant'Angelo - Puglia - Alba

Monte Sant’Angelo Capitale della Cultura di Puglia 2024

La Città più alta della regione fra Adriatico e Ionio ospita due siti Unesco e numerosi eventi per l'estate In Italia si trovano due Beni Patrimonio dell’Umanità nel giro di una sola cittadina della...
Peccioli Borgo dei Borghi

In Italia l’immondizia può diventare arte

A Peccioli (PI) la raccolta è virtuosa e la discarica è diventata un teatro per ospitare artisti e premi Nobel. E in più fa utili per i cittadini. Un sindaco tanto pervicace quanto visionario; un...