Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

26 Novembre 2007 | Attualità

Tv croce e delizia d’Italia

È il medium più discusso e più seguito del nostro paese: la tv si è dimostrata essere nei dati dell’Osservatorio Demos-Coop sul Capitale sociale il primo punto di riferimento per gli italiani come fonte d’informazione. Il 94% degli intervistati ha citato il piccolo schermo nella ricerca di notizie e informazioni , il 63% si affida ai quotidiani e il 61% alla radio.   La televisione digitale ha ottenuto il 29% delle preferenze e internet il 39% . L’indagine Demos-Coop ha sottolineato però che radio (60%), cui va il primato della credibilità, internet (36%) e i quotidiani (38%) sono ritenuti più affidabili della televisione (30%) . Il telegiornale resiste tuttavia a questo calo di fiducia e si dimostra sempre un punto di riferimento, con in testa il Tg3 regionale (72%), seguito dal Tg1 (69%). Seguono, nell’ordine, Tg3 nazionale (63%), Tg2 (63%) e Tg5 (59%). Il grado di fiducia varia, sensibilmente, in relazione all’orientamento politico. Il Tg3 viene apprezzato soprattutto dagli spettatori di sinistra. Mentre i tutti i notiziari di Mediaset (Tg5, Tg4, Studio aperto) si caratterizzano per un profilo di (centro) destra. Tg1 e Tg2, infine, si collocano più vicini al “centro”: leggermente spostato a sinistra, il Tg di Riotta, un po’ più verso centro-destra, quello di Mazza. Equidistante dalle due aree ideologiche è il profilo dei Tg regionali.  Non sono però solo i Tg a connotarsi politicamente, ma anche i principali programmi di approfondimento (e i rispettivi conduttori): “Annozero” e “Ballarò” risultano i più apprezzati dall’elettorato di centro-sinistra, mentre “Matrix” e “Porta a Porta” hanno maggiore seguito a centro-destra . Nel complesso, i punteggi più elevati vanno alle trasmissioni di Floris (57%) e Mentana (52%).  Molti di questi programmi di approfondimento sono superati dalla satira giornalistica : le “Iene” (50%) e, in particolare, “Striscia la notizia”, cui va in assoluto l’apprezzamento più convinto (64%).  Questa la fotografia dell’informazione televisiva, scattata dal sondaggio alla vigilia dell’ennesimo terremoto sulla tv scatenato dal caso Rai-Mediaset. Una vicenda che riporta l’attenzione su un tema particolarmente sentito dall’opinione pubblica: il conflitto d’interessi, ritenuto problema grave e “urgente” dal 66% dei cittadini . La proprietà del polo televisivo privato da parte del leader dell’opposizione, Silvio Berlusconi, secondo la metà degli intervistati danneggia la libertà di informazione (52%) e condiziona la politica (55%). Un dato che cresce sensibilmente tra gli elettori del centrosinistra, dove è quasi l’80% a condividere questa opinione.

Guarda anche:

Le sfide di Milano

Una visione di Milano 2030 è evocata nel volume “8tto Racconti di Milano - Verso un nuovo progetto di città”. Edito da Assimpredil Ance di Milano, Lodi, Monza e Brianza, per approfondire, sotto...

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...

Approvato il Super Green Pass, nuove regole dal 6 dicembre

Obbligo vaccinale e terza dose, estensione dell'obbligo del vaccino a nuove categorie, istituzione del Super Green pass a partire dal 6 dicembre e rafforzamento dei controlli e campagne promozionali...