Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Gennaio 2013 | Innovazione

Ue, allarme su cellulari e tumori

I telefoni cellulari fanno venire il cancro? La questione è aperta e dibattuta da anni: parecchi studi hanno condannato o scagionato di volta in volta i telefonini. Ma in ogni caso adesso l ’agenzia Ue per l’ambiente ha deciso di rilanciare l’allerta a livello europeo. In particolare per i più giovani. ”Anche se non esiste chiarezza scientifica sulla relazione tra l’utilizzo del cellulare e tumori al cervello, da studi e ricerche è sempre più solida l’evidenza di questo legame” , afferma Jacqueline McGlade, direttore esecutivo dell’Aea. Lo studio analizza diversi casi in cui gli allarmi sono stati ignorati, fino a quando il danno da nuove tecnologie o sostanza chimiche non è stato evidente. Da qui l’invito a usare il principio di precauzione per ridurre potenziali pericoli. Il rapporto dell’Aea ricorda il caso dell’ultima sentenza della Cassazione in Italia lo scorso ottobre, che ha riconosciuto “ un ruolo almeno concausale ” all’uso massiccio del cellulare a un manager malato di un tumore all’orecchio. E cita anche il segnale inviato dall’Oms , che nel 2011 ha sottolineato la possibilità che i campi elettromagnetici siano cancerogeni.

Guarda anche:

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.

Benessere digitale, l’Italia scala la classifica mondiale

Il Digital Quality of Life Index 2022, che fa il punto sullo stato del benessere digitale dei singoli paesi., valutando la qualità della vita digitale e come le diverse nazioni riescono a fornire le...

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...