Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Marzo 2007 | Innovazione

Unità: i giornalisti chiedono chiarezza sul futuro

Chiarezza sul futuro de “ L’Unità ” e sulle voci di un suo possibile ridimensionamento: è quanto chiedono, con forza, i giornalisti della testata, che hanno organizzato un’iniziativa pubblica, con il sostegno della Federazione della stampa e dell’Associazione stampa romana. L’iniziativa per ribadire “la necessità di un confronto” a pochi giorni dal cda della Nie (Nuova Iniziativa Editoriale), la società editrice del quotidiano, previsto per venerdì 30 marzo. “Tre parole – ha detto Umberto De Giovannangeli, del comitato di redazione – sintetizzano le ragioni di un percorso di lotta, culminato nello sciopero dell’8 marzo: orgoglio, preoccupazione e determinazione a battersi affinché L’Unità mantenga e rafforzi la propria identità di voce libera, indipendente, autorevole” Il giornale vende 54 mila copie, ma è a un bivio: il rafforzamento o il ridimensionamento. “Galleggiare è un approdo inaccettabile” dice il Cdr. Agli azionisti, i giornalisti suggeriscono “la riapertura del centro stampa del Sud, l’aumento della foliazione, lo sviluppo multimediale, il rafforzamento delle cronache locali” “Non si può fare de L’Unità un giornale residuale – ha detto il segretario della Fnsi, Paolo Serventi Longhi – agli azionisti chiediamo di uscire dall’ombra: venerdì prendano le loro decisioni e informino subito il cdr. Fnsi e Asr – ha ribadito Serventi – saranno a fianco della redazione per chiedere trasparenza in difesa di quello che è, è stato e deve essere ancora un grande giornale”

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Intenso fruttato con sentori di noce? Ora ce lo dirà l’intelligenza artificiale?

Dall'Italia il sommelier personale del futuro, figlio della tecnologia Gpt. Nasce dall'intelligenza artificiale il sommelier personale italiano che consiglia quale vino abbinare a determinati...