Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Luglio 2010 | Innovazione

Usa, via libera ai crac per iPhone

Via libera ai software di altri produttori su iPhone e affini. Lo ha stabilito la Congress Library di Washington, secondo cui installare programmi di marca diversa da quelli del produttore del proprio smartphone non costituisce una violazione alle leggi americane sul copyright. La sentenza della corte congressuale libera dunque da qualsiasi obbligo i programmatori e gli utenti che vogliono installare particolari software sui prodotti Apple, o applicazioni di terzi su qualunque cellulare, purché scaricate o acquistate legalmente e limitate all’uso privato. La Congress Library si avvicina così alle posizioni dell’ Electronic Frontier Foundation , associazione americana che si batte per le libertà civili negli usa anche in ambito tecnologico e che da mesi chiedeva la liberalizzazione del mercato dei software per telefoni cellulari di ultima generazione.

Guarda anche:

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.

Benessere digitale, l’Italia scala la classifica mondiale

Il Digital Quality of Life Index 2022, che fa il punto sullo stato del benessere digitale dei singoli paesi., valutando la qualità della vita digitale e come le diverse nazioni riescono a fornire le...

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...