Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

24 Settembre 2008 | Attualità

Vigilanza Rai: dodicesima fumata nera. Gentiloni: intesa nei prossimi giorni

Fumata nera, la dodicesima, per l’elezione del presidente della Commissione di Vigilanza Rai. Come da copione, la maggioranza ha fatto anche oggi mancare il numero legale, bloccando l’elezione del candidato dell’opposizione, il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando. La bicamerale è riconvocata per domani alle 12 e lo sarà nuovamente venerdì mattina. Cadute le ” pregiudiziali sulla persona di Orlando “, dalle minoranze proposto alla presidenza della commissione di Vigilanza, ” penso che nei prossimi giorni, se non la prossima settimana, si possa trovare un’intesa sulla Rai “. Così, l’ex ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, commentando l’ennesima fumata nera che ha impedito anche oggi l’insediamento della commissione. Gentiloni invita poi a tenere distinti i due piani dell’elezione del presidente della Vigilanza e della nomina dei nuovi vertici Rai: ” quella dei tre distinti passi da compiere ora (Vigilanza, riforma governance Rai ed rinnovo vertici, ndr) mi pare una discussione un pò filosofica . C’è una cosa normalissima che è l’insediamento della Vigilanza, commissione di garanzia. E q uesto passo penso si concluda nei prossimi giorni perchè non ci sono più ostacoli sulla persona. Poi c’è la riforma della Rai. Infine, con i nuovi o i vecchi criteri, dobbiamo nominare i nuovi vertici” . E’ accaduto ieri: Undicesima fumata nera per l’elezione del nuovo presidente della commissione di Vigilanza Rai. Il candidato dell’opposizione è ancora Leoluca Orlando (Idv) ma nuovamente è mancato il numero legale per l’assenza dei rappresentanti della maggioranza: quindi, tutto rinviato. Quasi certamente con appuntamento fissato per domani, e – nel caso – quindi per giovedì e venerdì, e poi martedì prossimo se la situazione dovesse persistere. Lo scoglio è rappresentato dal fatto che il Pdl vorrebbe un accordo complessivo sulla questione Rai, ovvero presidente Vigilanza, miniriforma della ‘governance’ dell’azienda e nomina del Cda e del direttore generale. L’ opposizion e invece guarda innanzitutto alla Vigilanza, ritenendo che si debba procedere per passi sucessivi e non concatenati o strettamente vincolanti. Ora s i attende che i presidenti di Camera e Senato decidano formalmente per la nuova convocazione a Palazzo San Macuto. Anche all’interno del Pd la questione Rai trova pareri contrastanti: la riunione di questa mattina con Walter Veltroni  non è servita a trovare la quadra e nel Pd restano confermate linee diverse tra chi, per la presidenza di Viale Mazzini, vorrebbe Pietro Calabrese, chi la riconferma di Claudio Petruccioli e chi, come Rosy Bindi, non sarebbe d’accordo nè sull’uno nè sull’altro nome . Per l’ex-direttore di Panorama si sarebbe speso, durante la riunione, Goffredo Bettini incaricato da Veltroni, sin da fine giugno, di sondare la maggioranza su un nome gradito anche al Pdl. A favore della riconferma di Petruccioli sarebbero, invece, Paolo Gentiloni e Fabrizio Morri , le cui dichiarazioni (al termine della riunione di questa mattina) su un’intesa dentro il Pd per un bis dell’attuale presidente della Rai avrebbero suscitato qualche irritazione. Infatti, viste le divisioni dentro il partito, Veltroni ha deciso di prendere tempo, non appoggiare alcun nome sin da ora. Spiega Bettini: ” Non abbiamo deciso nessun nome nè una graduatoria di nomi”. La scelta è quella di procedere un passo alla volta . Portare a casa innanzitutto la presidenza della commissione di Vigilanza per Leoluca Orlando e si conta di chiudere domani, visto che oggi si sa già che la seduta finirà con ogni probabilità con una fumata nera. Dopodichè il Pd continuerà a insistere sulla riforma della governance della Rai, su cui oggi durante la riunione si è molto battuta Giovanna Melandri. Se la riforma non si farà, visto che il Cda deve essere rinnovato, si entrerà nel merito dei nomi e se quello di Petruccioli sarà bocciato dalla maggioranza, allora resterà in piedi quello di Calabrese. Un nome che, avrebbe detto Bettini durante la riunione, rappresenterebbe un rinnovamento ed inoltre una personalità fuori dai partiti. “Vedo una contraddizione -avrebbe sottolineato il coordinatore del Pd- tra chi dice che i partiti devono stare fuori dalla Rai e poi non vuole Calabrese perchè non è del Partito Democratico “. ” Oggi non saremo presenti alla riunione della Commissione di Vigilanza Rai convocata alle 15 “. Aveva anticipato il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, spiegando che l’assenza è dovuta “alla novità” costituita dal nome di Claudio Petruccioli, rispuntato a sorpresa tra quelli dei candidati alla presidenza. Un nome quello dell’attuale presidente della Rai che, dice ancora Gasparri, ” ha portato ad un clima di maggiore apertura. Si tratta di un elemento nuovo tra le ipotesi finora fatte e anche noi abbiamo bisogno di tempo per discuterne “. Sulla possibilità che domani i membri del Pdl siano presenti in commissione di vigilanza (convocata ad oltranza), Maurizio Gasparri si è mostrato possibilista: ” Domani è un altro giorno, vedremo “. Quello della presidenza della commissione di Vigilanza Rai e quello del rinnovo del Cda di viale Mazzini “sono due terreni molto distanti tra essi. E in mezzo c’è la riforma Rai, vero problema”. Lo ha detto Giovanna Melandri , ministro ‘ombra’ delle Comunicazioni per il Pd. E quando si parla di riforma, ovvero modifiche sostanziali all’attuale disciplina (la legge Gasparri), “c i vorrebbe uno strumento legislativo d’urgenza, anche un decreto “, se c’è ” condivisione della velocità delle scelte da assumere “, aggiunge la Melandri. La parlamentare dice anche ” attendiamo fiduciosi che concorrano ad eleggere Orlando e siamo anche convinti che la linea del Pd sia quella giusta per rilanciare la Rai prendendo atto dell’esigenza di un modello nuovo di servizio pubblico che faccia decollare l’azienda. Non esiste alcun servizio pubblico in Europa e un direttore generale senza pieni poteri e un Cda che assomiglia più a un ‘parlamentino’ che ad un organo di gestione di un’azienda come quello che abbiamo in Italia “. Il servizio pubblico ” è una risorsa preziosa per il nostro Paese e la riforma è la sfida giusta “. Quanto alla presidenza della commissione di Vigilanza, “d a mesi chiediamo il rispetto delle prerogative dell’opposizione di indicare il nome e di vederlo eletto “. E “per il bene della Rai sarebbe saggio rendersi disponibile da parte della maggioranza a una riforma, perchè con l’attuale meccanismo di governo la Rai soffre di inefficienza e paralisi. Più potere ai vertici e chiudere l’esperienza di un Cda che è come un ‘parlamentino’. Bisogna liberare il Cda dall’interferenza dei partiti, puntare quindi a un modello di terzietà come fosse un’Authority, e dare più poteri al direttore generale “.   

Guarda anche:

Musica e balletto occupano Milano grazie alla Scala

La Scala in Città, l’iniziativa realizzata dal Teatro alla Scala di Milano in collaborazione con la Filarmonica della Scala e l’Accademia Teatro alla Scala, ritorna con la 2a edizione dal 27...

Il lume della scienza si accende sulla Notte dei Ricercatori

Venerdì 30 settembre un ricco programma di iniziative si svolge in Italia e in tutto il mondo per avvicinare l’universo scientifico alle persone e alle scuole con eventi coinvolgenti e innovativi. I...
cannolo

A Caltanisetta il cannolo da Guinnes World Record

È stato realizzato a Caltanissetta il cannolo più grande al mondo. Il tipico dolce siciliano misura 21 metri di lunghezza e un diametro di 18 centimetri ed entra di diritto nel registro dei Guinness...