Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

4 Maggio 2021 | DISINFORMATIONAL

Rapporto Censis: oltre un terzo degli italiani ritiene il covid un virus artificiale

Pene più severe per chi diffonde fake news che si rivelano efficaci visto che oltre 2 milioni di italiani credono ci sia una relazione tra Covid e 5G e il 38% che il virus sia stato creato intenzionalmente. E’ la fotografia di una Italia confusa quella che esce dal primo rapporto su disinformazione e fake news di Ital Communications e Censis.

Il 99,4% della popolazione nazionale adulta ha cercato informazioni sulla pandemia online: un dato mai registrato prima. L’anno appena trascorso rappresenta un caso esemplare di come un evento improvviso e sconosciuto possa diventare oggetto di cattiva comunicazione, arrivando a generare tonnellate di fake news e disinformazione.

Secondo i dati raccolti nel Primo Rapporto Ital Communications e Censis su Disinformazione e fake news, durante la pandemia per il 49,7% degli italiani la comunicazione dei media sull’emergenza sanitaria è stata confusa. Per il 39,5% ansiogena, per il 34,7% eccessiva. Solo il 13,9% sostiene che sia stata equilibrata. L’indagine riporta che 29 milioni di italiani durate la pandemia sono stati vittime di notizie successivamente riconosciute come false o sbagliate. Ben 6,2 milioni di persone credono che il vaccino sia obbligatorio, 5 milioni che i bambini non si possano ammalare di Covid e 2,3 milioni che ci sia una correlazione tra il 5G e il coronavirus.

Il caos informativo generato dalla pandemia ha colto impreparati anche i media tradizionali, nazionali e internazionali, che hanno fatto fatica a districarsi tra l’improvvisa moltiplicazione della domanda, pareri discordanti tra virologi ed esperti e un susseguirsi di decisioni da parte delle autorità politiche.

L’elevata mole di informazioni generate ha travolto gli equilibri: diminuisce il divario tra chi ha accesso all’informazione digitale e chi no ma allo stesso tempo aumenta considerevolmente l’informational gap: la percentuale dei lettori in grado di distinguere le notizie veritiere da quelle false. Ne è una dimostrazione il fatto che ben il 38,6% degli italiani crede che il virus sia stato intenzionalmente creato in un laboratorio da cui poi è sfuggito, ma tra chi ha un’istruzione inferiore la percentuale sale al 49,2%.

Secondo l’indagine, il caos sui media generato dall’emergenza sanitaria ha messo in luce la necessità di interventi mirati ad arginare la proliferazione di notizie false e/o fuorvianti soprattutto sul web. Il 56,2% del campione concorda sia opportuno introdurre pene più severe per chi diffonde deliberatamente fake news e il 52,2% ritiene debba essere un obbligo per le piattaforme social rimuovere le notizie false. Per contrastare la diffusione della cattiva informazione l’indagine sostiene sia necessario procedere su più livelli: da una parte potenziare i sistemi di fact checking per la verifica delle notizie diffuse sui social e dall’altra diffondere campagne di educazione e sensibilizzazione sull’uso consapevole del web da parte di noi utenti.

di Serena Campione

fake_news

Guarda anche:

I numeri sono importanti: letture imprecise di dati su morti Covid

Con un comunicato, l’Istituto Superiore di Sanità ha corretto l’errata interpretazione sui dati relativi alle vittime del Coronavirus in Italia contenuta in un pezzo giornalistico pubblicato da Il...
corona-fake-news

Il 40% delle fake news è collegata al Covid

L’Osservatorio europeo di fact-checking Edmo ha registrato a giugno il 40% di fake news collegate al Covid-19. Nel mirino della disinformazione in Italia, il tema vaccino e giovani. La pandemia al...

Titoli dei giornali e SEO: compromesso tra efficacia e verità

Quando le scelte stilistiche del giornalismo online privilegiano parole chiave ad effetto, a scapito della reale corrispondenza tra titolo e contenuto dell'articolo.  Titoli dei giornali...